sabato 7 aprile 2012

Mi rimane troppo tempo.

Sei una ragazza complessata.
Vorresti essere interessante, ma in fondo sei piatta e inutile e superficiale.
Hai stancato pure te stessa con questa storia.
E sono grassa, e non voglio mangiare, e mi taglio, e mi ficco due dita in gola.
Ripetitiva, noiosa, ripetitiva e noiosa.
Cosa pensi di ottenere?
Dove pensi di arrivare?
Non è il tuo peso che non va, idiota.
Sei tu.
Tu che non mangi e tu che ti ingozzi.
Tu che è tutto ok e che sorridi e che mai stata meglio.
Tu che gridi e che piangi e che graffi.
Tu che sei stupida e tu che sei la più intelligente.
Tu che vai bene a scuola e tu che non studi.
Tu che vomiti e tu che afferri la lametta e tu che cerchi di suicidarti.
Tu che bevi vodka e tu che esci a fare shopping con tua madre.
Tu che ti piastri i capelli e tu che li lasci mossi.

Tu, in qualsiasi modo, in qualsiasi frangente e con qualsiasi pretesto.
Sei insopportabile, sei incontentabile, sei impossibile.
Stancante e stanca.
Non servi a niente.
Futile, come la "cioccolata calda con panna"
E non la "panna con cioccolata calda".
Sei l'aggiuntivo, e non piaci nemmeno a tutti.
Sradichiamo i complessi di superiorità e scendi sulla terra dei mortali.
Sradichiamo i miti e i falsi problemi e risali dall'inferno in cui ti sei incastrata sulla terra dei mortali.
Spunta i capelli, riempiti di piercing e tatuaggi, cambia il modo di vestirti, rifatti le tette e il naso e le labbra.
Dimmi com'è, poi; sapere di rimanere sempre la stessa sotto le vesti di mille altri.
Dimmi com'è, poi; arrivare a quarant'anni e non sapere chi sei.
Dimmi com'è, poi; vivere una vita che hanno vissuto in miliardi e pensare di essere unica e irripetibile e inarrivabile.
Dimmi com'è, poi; perchè io non voglio vivere così.





Ah, e sono grassa.


24 commenti:

  1. Siamo noi a decidere il nostro futuro.
    Siamo solo noi che possiamo decidere cosa fare.
    Fai la scelta che tu ritieni giusta,
    ti stringo

    RispondiElimina
  2. l'ho letto in mezzo minuto, questo post... e l'ho riletto altre due volte.. sei coinvolgente come poche.. e non pensare mai di essere una nullità, di essere patetica e conformata a tutti gli altri.. non lo sei..
    sei profonda e difficile.. la tua complessità (e i tuoi complessi) ti rendono cosi.... cosi particolarmente bella e cosi strana e cosi difficile e cosi stupenda..

    ti stringo forte..

    RispondiElimina
  3. Il fatto di diventare uguale alle altre è una condanna,mi soffoca.Voglio vedere l' america,sposare un uomo pazzo e vivere nel mio piccolo mondo come donna devota,magari farmi chiudere in un manicomio,fingermi pazza,passare dal lato"non normale",anche per finta(che è in minoranza rispetto al lato umano normale),piuttosto che essere dalla parte della maggioranza.È un post splendido.Alla maggioranza piace una vita così.La sognano.Piacerebbe anche a te forse,se non fosse che la fanno tutti.Il punto non è lo stile di vita,il punto è quanti lo seguono.IL PUNTO SONO I NUMERI.Il punto è NON voler essere un numero.

    RispondiElimina
  4. mi rapisci ad ogni post merda.
    vorrei, per un giorno, essere grassa come te...
    lo vorrei così tanto.

    RispondiElimina
  5. non sei uguale alle altre, non lo sei mai stata.
    a volte questa cosa ti piace, ma sai benissimo che non c'è purtroppo nulla di bello ad essere diversi, al contrario di quello che si dice.
    sei incantevole ma disperata; a volte ti dico che l'unica cosa da fare è aspettare.
    è una fase, ne uscirai. so che non ci credi, ma ne uscirai.
    ti stringo fortissimo, amour.
    vì.

    RispondiElimina
  6. ciao,grazie per essere passata da me..cazzo come ti capisco!! bello sto post, mi rispecchia. un abbraccio Lì

    RispondiElimina
  7. Sei bellissima e magrissima. Amati. ♥

    RispondiElimina
  8. penso che questo post sia geniale e mi rispecchi a pieno, ma non lo scrivo ufficialmente perchè è banale.
    scrivo quindi: la cioccolata calda con panna mi faceva cagare anche prima, quando non mi alzavo per andare a vomitarla.
    oggi sono acida, è Pasqua.
    più che rifarci l'armadio dei vestiti, dovremmo rifarci l'armadio dei ricordi: gettare via tutto quello che c'è dentro.
    tanto a tenerli li, ammuffiscono e basta.

    RispondiElimina
  9. Ciao, piccola ragazza complessata, incontentabile e impossibile.. sei stupenda.
    Ti seguo. ♥

    RispondiElimina
  10. Bellissimo post, mi piace molto come scrivi.
    E pensare che io invece non vorrei essere cosi diversa anche se sono bollata come tale.

    Un abbraccio <3

    RispondiElimina
  11. Mi hai letto nel cuore..

    Scrivi divinamente, piccola..
    Con amore

    RispondiElimina
  12. E' stato come rileggere tutti i miei pensieri degli ultimi anni condensati in qualche riga. Ti prego, non smettere mai di scrivere.




    Baci.

    RispondiElimina
  13. Ho notato un tuo commento nel mio blog. il che è molto bello visto che due cm più sotto da quello che mi pare di capire c'eri tu in una gif.. il che è ancora più bello perchè il tuo è proprio il fisico che vorrei.
    e comunque qui siamo tutte così.... cinque giorni di digiuno e uno di binge.. instabilità... lunaticità. Prima odio poi amore, felicità e tristezza.. non ci si capisce mai niente.
    ci sono giorni buoni e giorni meno buoni . ma questo tu lo sai meglio di me.
    un bacio grande

    RispondiElimina
  14. sto pensando di stamparlo e attaccarlo esattamente sopra al mio cuscino, in modo da aprire gli occhi la mattina e trovarlo lì, pronto all'uso.
    ti bacio

    RispondiElimina
  15. mia Cara Elle..te l'avranno detto ormai un miliardo di volte...
    ma lo dico lo stesso.. Scrivi DIVINAMENTE!!
    non sei stupida per niente, e la colpa non è solo tua...
    le persone stanno Zitte quando dovrebbero consolare e incitare;
    Parlano senza prima usare il cuore e poi la mente...
    stanno Ferme e Impotenti davanti a chi ha bisogno di aiuto, anzì preferiscono voltarsi, come se guardare consumasse le loro preziose forze.
    Siamo vittime di una società cieca anch'essa vittima del denaro e del tempo;
    la nostra unica arma è mostrare le unghie oppure... sprofondare nell' oblio... semplicemente sparire.
    Ti Adoro mia cara Elle .
    Teniamoci per mano e incaminiamoci, verso i quarantaquattro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. P.s. Contando la tua altezza preferirei che lasciassi prima dell'arrivo la mano..
      vorrei che ti fermassi al punto giusto per te...
      da lì potrai cominciare a amarti veramente.
      Kyle

      Elimina
  16. io mi sento uguale.
    e continuo a domandarmi se sono sempre stata così, se sono sempre stata vuota, o se lo sono diventata. se mi hanno svuotata.

    RispondiElimina
  17. Ei Elle, mi sento esattamente come te <3

    (http://iamgoingbacktothestart.blogspot.it/)

    RispondiElimina
  18. Non smettere di scrivere, ti leggo silenziosa, e ora aggiungo anche un commento. Mi sento così vicina a te in questo istante.
    Una goccia d'acqua.

    Saya ♥

    RispondiElimina
  19. c'è solo una cosa su cui devo darti ragione in tutto questo post: il problema non è il peso. Per il resto io so che non è vero, ma sono sicura che credi a tutto quello che hai scritto perchè è quello che costantemente mi ripeto anch'io.
    ti abbraccio

    RispondiElimina
  20. madonna,Elle non sai quanto mi eri mancata. La tua mano la sento,è stretta alla mia e non la lascio più.
    Sei mia.
    Ness.

    RispondiElimina
  21. Ti seguo da tempo... Solo oggi ho avuto il coraggio di registrare un blog tutto mio così mi è sembrato doveroso passare a lasciarti un commento: sei fantastica!! Ti ammiro moltissimo!!
    Con amore,
    Marion.

    RispondiElimina
  22. Il problema NON sei TU...
    Il problema non esiste, è il modo di vivere e di vedere ch'è contorto...
    concentrati su quello che ti fa stare bene!!!
    NON pensare ad altro

    Un abbraccio sincero ...

    RispondiElimina